logo pubblica assistenza

Scheda " stenosi "


immagine argomento Per stènosi o stenòsi (dal greco antico στένωσις, "restringimento") s'intende una condizione patologica consistente nel restringimento di un orifizio, di un dotto, di un vaso sanguigno o di un organo cavo, tale da ostacolare o impedire il normale passaggio delle sostanze che fisiologicamente passano attraverso di essi.

La stenosi può essere organica se è sostenuta da processi produttivi o cicatriziali o da cause congenite malformative; intrinseca o estrinseca secondo che il processo morboso che ne è alla base abbia origine all'interno o all'esterno della struttura anatomica interessata.

Si parla invece di stenosi funzionale quando è provocata da contrazioni toniche più o meno durevoli degli sfinteri o delle pareti muscolari.
Sotto il profilo funzionale la stenosi viene definita scompensata quando per la sua entità non permette più alcun passaggio di materiale.

L'aspetto morfologico della stenosi è vario: anulare o tubulare quando sono rispettivamente interessati un brevissimo o un lungo tratto di condotto; diaframmatica quando assume la forma di un diaframma.
Le sedi più frequenti di stenosi sono:
- l'esofago,
- lo stomaco,
- il piloro,
- l'uretra,
- il retto.


Purtroppo spesso i casi di stenosi, se non curati, degenerano progressivamente, seguendo il naturale effetto Bernoulli, secondo cui un fluido che acquista velocità a causa del restringimento del lume, diminuisce la sua pressione, tirando quindi le pareti del vaso verso l’interno e peggiorando la situazione.
Questa legge si applica anche nella situazione opposta, cioè quando un vaso sanguigno si allarga in modo anomalo. In questo caso si parla dell’equivalente effetto Venturi e quindi di aneurisma.


Informazioni da: (desunto da " Roberto Scaini ")


Le schede contengono informazioni riguardanti la salute, la forma fisica, l'ambito medico e vari tipi di trattamenti medici riservati esclusivamente all'uso sull'uomo.
Queste informazioni rappresentano soltanto un suggerimento e non intendono sostituire il consiglio del medico o del farmacista.
Le informazioni contenute nelle schede non devono essere usate per diagnosticare alcuna patologia o disturbo fisico ne' per prescrivere o utilizzare eventuali farmaci.
E' opportuno consultare preventivamente sempre un medico o un farmacista.
Le informazioni sono desunte da varie fonti presenti su internet per facilitare il visitatore.