logo pubblica assistenza

Scheda " scoliosi "



immagine argomento La scoliosi è una forma di dismorfismo ed è una condizione che implica una complessa curvatura laterale e di rotazione della colonna vertebrale. La rotazione delle vertebre determina il gibbo, in genere costale.

La scoliosi lieve generalmente non causa problemi, mentre i casi gravi possono interferire con la respirazione.
In genere, non è presente dolore.
v Questa deformazione è più evidente a livello costale.
Esistono delle eccezioni in cui non vi è rotazione ma vi è un "atteggiamento scoliotico".
Nel caso di atteggiamento scoliotico si parla di paramorfismo.
La colonna vertebrale scoliotica contiene muscoli atrofici da un lato e muscoli ipertrofici dall'altro che la deformano ed è spesso associata a cifosi e lordosi.

L'altezza dei dischi intervertebrali e delle vertebre diminuisce dal lato concavo della flessione: il corpo vertebrale diventa cuneiforme.

Cause
Si stima che, approssimativamente, il 65% dei casi di scoliosi sia idiopatica, circa il 15% siano congenite e circa il 10% siano secondarie a una patologia neuromuscolare (dopo poliomielite, distrofie muscolari, ecc.).
La scoliosi idiopatica è una condizione che perdura per l'intera vita, ma non influenza negativamente la speranza di vita degli individui affetti.

Nel 1996, si pubblicava che la causa eziopatogenica della maggior parte delle Scoliosi Idiopatiche è comune a quella della Siringomielia e della Sindrome d’Arnold Chiari I: un meccanismo di trazione anomala che agisce sul midollo e di conseguenza a livello vertebrale, causato da un legamento di nome Filum Terminale, quando questo è eccessivamente teso.

Attualmente la scoliosi idiopatica dell'adolescente è generalmente considerata come originata da cause multifattoriali, anche se si ritiene che vi giochino un ruolo fattori genetici.
Varie cause sono state implicate, nessuna delle quali ha raccolto il consenso degli scienziati quale causa della scoliosi, sebbene sia ampiamente accettato il ruolo di fattori genetici nello sviluppo di questa condizione.
In uno studio, ad esempio, il gene CHD7 è stato associato a una forma idiopatica di scoliosi.
In uno studio del 2006, tre polimorfismi di microsatelliti del gene MATN1 (responsabile della codifica della proteina Matrilin 1, cartilage matrix protein) costituiti, rispettivamente, da 103, 101, e 99 coppie di basi, sono stati messi in relazione alla scoliosi idiopatica.

Forme congenite della scoliosi possono essere fatte risalire a malformazioni della spina tra la terza e la sesta settimana in utero. È il risultato sia di una incompleta formazione, sia di una mancanza di segmentazione, sia di una combinazione di entrambi.

Scoliosi secondarie a patologie neuromuscolari possono svilupparsi durante l'adolescenza, come nel caso della sindrome del midollo spinale legato



Informazioni da: (desunto da " Wikipedia ")


Le schede contengono informazioni riguardanti la salute, la forma fisica, l'ambito medico e vari tipi di trattamenti medici riservati esclusivamente all'uso sull'uomo.
Queste informazioni rappresentano soltanto un suggerimento e non intendono sostituire il consiglio del medico o del farmacista.
Le informazioni contenute nelle schede non devono essere usate per diagnosticare alcuna patologia o disturbo fisico ne' per prescrivere o utilizzare eventuali farmaci.
E' opportuno consultare preventivamente sempre un medico o un farmacista.
Le informazioni sono desunte da varie fonti presenti su internet per facilitare il visitatore.