logo pubblica assistenza

Scheda " Orticaria "



immagine batteri

L'orticaria è una dermatosi infiammatoria pruriginosa caratterizzata dall'improvvisa comparsa di pomfi associati o meno ad angioedema.
Questa patologia era già nota ad Ippocrate.
Il termine orticaria fu coniato nel Settecento da Cullen e Bateman in quanto le lesioni caratteristiche risultavano simili a quelle provocate dalle punture di ortica.

Si stima che il 15-20% della popolazione generale presenterà almeno un episodio di orticaria nel corso della vita.
La prevalenza dell'orticaria cronica è stimata allo 0,6-1,8%.
Il picco di incidenza dell'orticaria cronica spontanea si colloca tra i 20 e i 60 anni ed è più frequente nel sesso femminile (rapporto F/M: 3/2), quello dell'orticaria acuta spontanea si verifica nell'età infantile.
Le forme croniche rappresentano circa il 25% del totale.
Non sono state riscontrate significative differenze tra le varie etnie.

L'orticaria cronica si associa alle tiroiditi autoimmuni, in particolare nei pazienti che presentano autoanticorpi circolanti, alle infezioni virali del tratto respiratorio superiore, da Helicobacter pylori da elminti, queste ultime in particolare nei paesi in via di sviluppo e sottosviluppati, ad un aumentato rischio di cancro, in particolare neoplasie ematologiche

Si stima che il 15-20% della popolazione generale presenterà almeno un episodio di orticaria nel corso della vita.
La prevalenza dell'orticaria cronica è stimata allo 0,6-1,8%.
Il picco di incidenza dell'orticaria cronica spontanea si colloca tra i 20 e i 60 anni ed è più frequente nel sesso femminile (rapporto F/M: 3/2), quello dell'orticaria acuta spontanea si verifica nell'età infantile.
Le forme croniche rappresentano circa il 25% del totale.
Non sono state riscontrate significative differenze tra le varie etnie.

L'orticaria cronica si associa alle tiroiditi autoimmuni, in particolare nei pazienti che presentano autoanticorpi circolanti, alle infezioni virali del tratto respiratorio superiore, da Helicobacter pylori da elminti, queste ultime in particolare nei paesi in via di sviluppo e sottosviluppati, ad un aumentato rischio di cancro, in particolare neoplasie ematologiche angioedema.

Non esiste una zona di cute preferenzialmente coinvolta nella patologia.
A seconda della durata delle lesioni si parla di orticaria acuta, se scompaiono entro sei settimane, altrimenti si parla di orticaria cronica.

I sintomi e i segni clinici presentano una diversità di espressioni quali la comparsa di pomfi rossi pruriginosi sulla cute, piccole lesioni con bordi spessi che possono anche unirsi.

Prima di tutto serve un'accurata anamnesi per assicurarsi il motivo per cui la persona possa essere affetta da tale malattia (cibi che ha ingerito, farmaci che ha assunto, ecc).
In seguito occorrono esami di laboratorio approfonditi fra cui la VES e la complementemia. Per casi particolari occorre l'esame della biopsia cutanea.



Informazioni da: (desunto da " Wikipedia ")


Le schede contengono informazioni riguardanti la salute, la forma fisica, l'ambito medico e vari tipi di trattamenti medici riservati esclusivamente all'uso sull'uomo.
Queste informazioni rappresentano soltanto un suggerimento e non intendono sostituire il consiglio del medico o del farmacista.
Le informazioni contenute nelle schede non devono essere usate per diagnosticare alcuna patologia o disturbo fisico ne' per prescrivere o utilizzare eventuali farmaci.
E' opportuno consultare preventivamente sempre un medico o un farmacista.
Le informazioni sono desunte da varie fonti presenti su internet per facilitare il visitatore.