logo pubblica assistenza

Scheda " MENINGITE "


Definizione di : MENINGITE


Cliccare sull'immagine per ingradire

meningi Malattie infettive
Definizione
Infiammazione di origine infettiva delle membrane (meningi) che rivestono il sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale).
Può essere dovuta sia a infezione batterica sia a infezione virale, nel qual caso si parla anche di meningite asettica.
Solitamente, l'infezione origina in un altro punto del corpo, da cui i microrgansimi possono raggiungere le meningi attraverso il flusso sanguigno.
La meningite può però anche svilupparsi da otiti o sinusiti.

Cause
I microrganismi che provocano la meningite dipendono strettamente dall'età.
Fra i batteri, nei neonati sono più spesso coinvolti lo Streptococco tipo B e l'Escherichia coli.
Nei bambini, particolarmente frequenti sono le meningiti da pneumococco, meningococco e Haemophilus influenzae.
Negli adulti, sono più frequenti le forme da bacilli aerobi Gram-negativi.
Nelle meningiti virali sono prevalentemente coinvolti gli enterovirus e gli herpes virus.

Sintomi
I sintomi iniziali della malattia sono tipici, ma non immediatamente riconducibili alla patologia: forti dolori alla testa, sensibilità accentuata alla luce e ai rumori, febbre, nausea, vomito, rigidità del collo e comparsa di macchie rosse sulla pelle.
Nei bambini al di sotto dei 2 anni e nei neonati i sintomi sono più difficilmente individuabili: appaiono meno vitali, irritabili, di scarso appetito e possono presentare convulsioni.
Se non trattata, la meningite, in particolare quella batterica, può essere mortale o condurre a danni neurologici permanenti, soprattutto nei bambini.
La meningite di origine virale, invece, è più frequente ma ha generalmente un andamento più benigno.

Diagnosi
Soprattutto nei bambini è fondamentale ricorrere alle cure ospedaliere alle prime avvisaglie: già l'esame del paziente consente al medico di stabilire se vi è possibilità di meningite.
Il test più affidabile, per accertare l'infezione, è l'esame del fluido cerebrospinale (liquor cefalo-rachidiano), estratto dal canale spinale attraverso la puntura lombare.
Il prelievo consente anche di stabilire qual è il microrganismo responsabile e, in caso di batteri, di scoprire a quali antibiotici è sensibile.

Cure
La cura principale della meningite batterica è la somministrazione di antibiotici, prima su base empirica e, una volta in possesso dei risultati di laboratorio, usando farmaci mirati.
Spesso è necessario supportare le funzioni vitali, con ricovero in un reparto di terapia intensiva.
Contro l'Haemophilus influenzae, meningococco e pneumococco è possibile vaccinarsi.
Per le meningiti virali non esiste una terapia specifica e solitamente si risolvono spontaneamente.
Per alcune forme (herpes) è possibile utilizzare farmaci antivirali.

Cure alternative
Non sono proponibili trattamenti alternativi per la meningite.

Alimentazione
Nei neonati, sia a termine e sia immaturi, l'alimentazione con latte materno sembra ridurre l'incidenza di meningite rispetto all'uso di latte artificiale.

(Testo desunto da "dica33.it")

Le schede contengono informazioni riguardanti la salute, la forma fisica, l'ambito medico e vari tipi di trattamenti medici riservati esclusivamente all'uso sull'uomo.
Queste informazioni rappresentano soltanto un suggerimento e non intendono sostituire il consiglio del medico o del farmacista.
Le informazioni contenute nelle schede non devono essere usate per diagnosticare alcuna patologia o disturbo fisico ne' per prescrivere o utilizzare eventuali farmaci.
E' opportuno consultare preventivamente sempre un medico o un farmacista.
Le informazioni sono desunte da varie fonti presenti su internet per facilitare il visitatore